SEI IN > VIVERE ASSISI > ATTUALITA'
articolo

Sedotti, abbandonati e derubati: denunciata trentenne romena

2' di lettura
571

polizia

Sedotti e abbandonati ma prima derubati. Questa è la fine che una giovane donna Romena, poco più che trentenne, riservava alle sue vittime designate, uomini di una certa età ai quali si avvicinava con la promessa, che rimaneva solo tale, di consumare rapporti sessuali.

La vicenda si è ripetuta ad Assisi, vittima un uomo settantatreenne di Bastia Umbra. Questa volta però ad interrompere il piano criminoso della giovane romena ci hanno pensato i poliziotti del Commissariato P.S. Assisi, diretto dal Commissario Capo Francesca Domenica Di Luca.
Nel corso di un servizio di perlustrazione del territorio, gli agenti hanno avvistato un’auto con a bordo una romena ed un anziano, che si aggirava tra le vie isolate della zona industriale di Santa Maria degli Angeli. Gli agenti hanno deciso a quel punto di controllare l’auto che nel frattempo si era fermata lungo una strada a vicolo cieco. A questo punto gli occupanti sono stati identificati e portati in Commissariato per i dovuti accertamenti.
L’uomo ha raccontato agli agenti di essere stato avvicinato dalla donna in un bar della zona, facendogli capire di essere disponibile ad avere con lui dei rapporti sessuali, pertanto decidevano di lasciare il bar insieme allontanandosi in macchina.
Lasciando il bar insieme e allontanandosi a bordo dell'auto, le avances della ragazza non hanno avuto il lieto fine da lei sperato solo grazie all’intervento della polizia. Infatti l’uomo, come dichiarato successivamente agli agenti, aveva capito che qualcosa non andava dal momento che la ragazza ha iniziato il suo approccio accarezzandogli da subito il collo con l’intenzione di verificare se indossasse catenine o altri monili.
La donna, che per un periodo ha lavorato anche come ballerina in un night club, aveva più volte in passato portato a termine i suoi piani truffaldini, adoperando le stesse tecniche di seduzione per raggirare uomini ultrasessantenni in cerca di compagnia e riuscendo a sfilare loro monili d’oro e denaro.
Per tali reati si era guadagnata l’anno scorso il provvedimento di divieto di ritorno nel Comune di Assisi emesso a suo carico dal Questore di Perugia per la durata di 3 anni.
La giovane, trovata dalla polizia nel territorio assisano e dunque in violazione del prescritto provvedimento, è stata denunciata all’autorità giudiziaria.


polizia

Questo è un articolo pubblicato il 20-11-2015 alle 03:25 sul giornale del 20 novembre 2015 - 571 letture