Bevagna vince il primo premio al Concorso Louis Braille

Braille 2' di lettura 19/02/2016 - La classe seconda B della Scuola Secondaria di primo grado di Bevagna si è aggiudicata il primo premio del Concorso nazionale sul codice Braille, promosso dal Club Italiano del Braille.

Il premio, del valore di 750,00 euro sarà consegnato in occasione delle celebrazioni della IX° Giornata nazionale del Braille che si terranno a Firenze nella mattinata del 20 febbraio presso il teatro dell'Istituto per Ciechi "Aurelio Nicolodi".
Il presidente del Club, Nicola Stilla, ha espresso apprezzamento per l'ottimo lavoro degli studenti bevanati e ha invitato all'iniziativa fiorentina l'intera classe vincitrice e la dirigenza scolastica dell'istituto.
Al tema di quest'anno, "Un alfabeto a punti per leggere e scrivere. Utilità e universalità nell'era della tecnologia", ha lavorato l’intera classe, con la collaborazione delle professoresse Emanuela Bartoli e Silvia Boldrini. La classe ha raccontato la straordinaria esperienza vissuta insieme al loro compagno non vedente in una lettera ad un ragazzo californiano, Shubham Banerjee, un genio tredicenne, inventore di una stampante Braille low cost costruita con i mattoncini Lego.
I ragazzi hanno riflettuto sulle grandi possibilità che la tecnologia oggi può offrire alle persone non vedenti, e sul valore di persone, come Shubam, che impiegano il loro talento al servizio degli altri per migliorare la loro vita. A Firenze, il premio verrà consegnato da Domenico Petruzzo, direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale, alla presenza di dirigenti dell'Unione italiana ciechi, di esperti e della senatrice Rosa Maria Di Giorgi.
La Giornata Nazionale del Braille, istituita per legge, offre l'occasione per richiamare l’attenzione sull’importanza del sistema di scrittura Braille, ideato nel 1829 dal francese Louis Braille e oggi universalmente utilizzato da persone non vedenti e consente l'approfondimento del problema dell'integrazione scolastica, lavorativa e sociale dei disabili.
“La vincita del primo premio al Concorso Louis Braille – afferma Francesca Lepri, Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo Bevagna Cannara – mi ha fatto particolarmente piacere perché in primis ha voluto rappresentare l’importanza e il valore della didattica inclusiva. La partecipazione a questo concorso ha offerto ai ragazzi la grande opportunità di scoprire la diversità come risorsa e di valorizzare i molteplici stili cognitivi presenti in classe. Attraverso una metodologia partecipata e collaborativa le docenti hanno saputo trasformare la classe in una comunità d’apprendimento, nella quale il coinvolgimento emotivo e cognitivo ha aiutato gli alunni a capire e a sperimentare l’idea delle intelligenze multiple.
Il lavoro svolto dai ragazzi è la reale dimostrazione di come l’apprendimento non può essere considerato un processo isolato ma è inscindibilmente connesso alle relazioni umane, al contesto sociale e agli stimoli educativi. Al termine di un bellissimo percorso, sono felice di fare i miei più sinceri e sentiti complimenti ai ragazzi e alle loro docenti!”





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-02-2016 alle 17:04 sul giornale del 20 febbraio 2016 - 1703 letture

In questo articolo si parla di cultura, redazione, bevagna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/atUJ





logoEV
logoEV