Terni: Oltre 3.000 tonnellate di rifiuti speciali sequestrati, denunciato il legale rappresentante

1' di lettura 06/07/2020 - I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Perugia, unitamente a personale dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente dell’Umbria, a conclusione di un controllo eseguito presso una società situata in provincia di Terni, autorizzata all’attività di recupero di rifiuti non pericolosi, hanno denunciato - alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Terni - il legale rappresentante della società, ritenuto responsabile del reato di “violazione delle prescrizioni dell’Autorizzazione Integrata Ambientale”.

In particolare, i militari dell’Arma, a conclusione di una prolungata attività ispettiva eseguita all’interno dell’insediamento produttivo tesa a verificare le modalità di gestione dell’impianto di compostaggio dei rifiuti biodegradabili provenienti dalla raccolta differenziata, hanno proceduto al sequestro di un’area di oltre 3.500 mq, non ricompresa tra quelle comprese autorizzate, sulla quale era stato depositato un quantitativo di circa 3000 tonnellate di compost, in attesa di vagliatura finale, prodotto nell’ultimo biennio.

In relazione a tali fatti, sono state contestazione le violazioni penali p. e p. dall’art.29-quattuordecis del T.U.A., relativamente all’utilizzo di un’area non ricompresa nel perimetro autorizzato con conseguente modifica sostanziale non autorizzata.








Questo è un articolo pubblicato il 06-07-2020 alle 12:10 sul giornale del 07 luglio 2020 - 181 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, terni, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bpT7