Glifosato nel 60% delle acque superficiali dell'Umbria, De Luca (M5S): "Soddisfatti dalla risposta del vicepresidente Morroni"

3' di lettura 15/07/2020 - Oltre il 60% dei campioni analizzati nelle acque superficiali in Umbria attesta una contaminazione sopra al limite di glifosato e del suo metabolita AMPA (acido amino metil fosfonico). E' quanto sostiene l'assessore Morroni nella risposta all'interrogazione presentata dal Movimento 5 Stelle.

Avevamo chiesto chiarezza e trasparenza rispetto all'utilizzo della sostanza contenuta nell'erbicida sospettato di essere cancerogeno e provocare il linfoma non-Hodgkin. Negli Stati Uniti la Bayer ha chiuso un accordo per un maxi risarcimento di 11 miliardi di dollari nei confronti di 125.000 cittadini che si considerano vittime dei danni causati dal glifosato.

"I dati ad oggi disponibili mostrano, in ambito regionale, positività diffuse che si rilevano prevalentemente nelle acque superficiali e il glifosate e il suo metabolita AMPA (acido amino metil fosfonico) è presente in oltre il 60% dei campioni analizzati" le parole dell'assessore. "I valori medi delle concentrazioni rilevate per questi due principi attivi sono risultati superiori agli Standard di Qualità di cui alla tab.1/B del D.Lgs. 172/2015 in diversi punti di monitoraggio, condizionando in taluni casi il giudizio di stato ecologico dei relativi corpi idrici. Tali dati hanno trovato conferma anche nelle prime elaborazioni dei dati raccolti nell'anno 2019". La Giunta ammette che si tratta di sostanze contaminanti che pregiudicano lo stato ecologico di fiumi e laghi.

Non possiamo dire che la risposta data all'interrogazione non sia stata chiara e per questo facciamo un plauso all'assessore Morroni a cui diamo anche il merito di aver dichiarato il proprio impegno verso un orizzonte, quanto più prossimo, in cui si potrà dichiarare l'Umbria "glyphosate free". In questa azione troverà il pieno appoggio del Movimento 5 Stelle perché crediamo che l'Umbria delle eccellenze debba puntare su altri paradigmi di sviluppo, soprattutto oggi che a livello globale c'è sempre più attenzione verso la qualità, il biologico, la sostenibilità.

"Il Regolamento di esecuzione dell'Unione Europea n. 2324/2017 del 12 dicembre - ricorda nella sua risposta l'assessore Morroni - prevede tra le limitazioni del glifosato il divieto di utilizzo in aree frequentate dalla popolazione o da gruppi vulnerabili (parchi e giardini pubblici, campi sportivi e aree ricreative, cortili delle scuole e parchi gioco per bambini), nonché in prossimità di aree in cui sono ubicate strutture sanitarie". E riconosce l'opportunità di "proseguire nella verifica della presenza dei residui del glifosato nei prodotti agricoli, per verificarne l'effettiva presenza in seguito all'introduzione dei limiti di impiego previsti sia a livello nazionale che regionale".

Insomma, vale la pena ricordare ancora una volta lo Statuto della Regione Umbria che all'articolo 13 dice: "La Regione promuove la salute quale diritto universale e adotta misure volte a garantire la salubrità dell'ambiente di vita e di lavoro, mediante la prevenzione e la progressiva eliminazione delle cause di inquinamento". Soluzioni alternative ci sono e vanno incentivate: consociazioni, cover crops, pacciamatura e bio-erbicidi di origine naturale. Soluzioni a sostegno del comparto delle produzioni agricole e zootecniche, ma fondamentali anche per lo sviluppo del settore turistico. Visto che qualità, bellezza e sostenibilità sono il nostro patrimonio più importante.

Thomas De Luca
MoVimento 5 Stelle
Consiglio Regionale dell'Umbria






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-07-2020 alle 09:26 sul giornale del 16 luglio 2020 - 191 letture

In questo articolo si parla di attualità, umbria, Movimento 5 Stelle, M5S, de luca, glifosato, comunicato stampa, acque superficiali, Soddisfatti dalla risposta, vicepresidente Morroni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bqHr





logoEV