Umbertide: i Carabinieri arrivano in tempo e impediscono matrimonio combinato. Sequestrata la documentazione

1' di lettura 12/08/2020 - La fervente attività informativa e quella successiva di indagine posta in essere dai Carabinieri della Stazione di Umbertide hanno permesso di scoprire un presunto matrimonio combinato tra una 28enne residente a Umbertide e un cittadino di origini marocchine della stessa età, clandestino.

Quanto emerso nei primi atti delle indagini in pieno svolgimento, infatti, induce a ritenere fondato il sospetto di un matrimonio meramente strumentale, i cui termini e soggetti implicati sono in via di accertamento, pur apparendo quanto mai credibile la finalità di far acquisire la cittadinanza italiana al ragazzo marocchino.

La Procura della Repubblica di Perugia, prontamente informata dei fatti dai militari di Umbertide, allo scopo di chiarire esattamente la vicenda e considerata l’urgenza, poiché era imminente la data fissata per il matrimonio, ha emesso un decreto di sequestro di tutto il fascicolo e così i Carabinieri si sono presentati in Comune eseguendo il provvedimento e rendendo, di fatto, impossibile la programmata cerimonia nuziale.






Questo è un articolo pubblicato il 12-08-2020 alle 09:27 sul giornale del 13 agosto 2020 - 181 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, umbertide, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/btb8





logoEV