Stupefacenti e Covid: la Prefettura non si ferma e prosegue le procedure amministrative da remoto

spaccio di stupefacenti 1' di lettura 23/02/2021 - Avviate dalla Prefettura di Perugia le attività da remoto per la prosecuzione in sicurezza delle procedure amministrative relative agli illeciti in materia di sostanze stupefacenti nell'attuale contesto emergenziale. 

Allo scopo di assicurare la continuità dell'azione amministrativa, pur nell'attuale emergenza sanitaria, la Prefettura di Perugia, in piena collaborazione con le Forze dell'Ordine, ha messo a punto innovative soluzioni operative per i procedimenti in materia di stupefacenti e sostanze psicotrope ex art. 75 del D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309.

In particolare, sono stati avviati dalla giornata di martedì i colloqui da remoto con i soggetti interessati, a cura del N.O.T., il Nucleo Operativo Tossicodipendenze istituito presso ciascuna Prefettura, cosi da consentire la prosecuzione in sicurezza di tale attività nell'attuale contesto emergenziale, scongiurando sospensioni in settori di assoluta rilevanza sociale.

Una semplificazione amministrativa che, nel pieno rispetto della normativa sulla privacy, realizza processi di lavoro snelli e flessibili in risposta alle contingenti esigenze.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2021 alle 11:56 sul giornale del 24 febbraio 2021 - 123 letture

In questo articolo si parla di attualità, perugia, prefettura di perugia, spaccio stupefacenti, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bPrm





logoEV