Morroni: "Con nuova disciplina acque, cambiamento radicale"

1' di lettura 24/03/2021 - Grazie a questa riforma, definita da Morroni come "l'atto più rilevante di questa prima parte della legislatura", la Regione entra così, ha poi aggiunto, "in un quadro normativo avanzato e moderno in tema di acque minerali".

Una riforma della disciplina delle acque minerali dell'Umbria definita come "un cambiamento radicale e netto" da Roberto Morroni. Il vicepresidente della Regione Umbria, nonché assessore all'ambiente, ha illustrato in videoconferenza la nuova legge regionale che modifica nel dettaglio la disciplina della ricerca, coltivazione, utilizzo delle acque minerali naturali, di sorgente e termali, ferma al 2008. Il disegno di legge della Giunta regionale è stato approvato dall'Assemblea legislativa con voti della maggioranza e con astensione di parte dell'opposizione.

Sotto i riflettori, è stato spiegato, ci sono soprattutto "la tutela della risorsa acqua e le ricadute sul territorio, che saranno messe in luce ora in maniera più definita e puntuale". Il vicepresidente della Regione ha poi riassunto tutti i passaggi "qualificanti e significati" della riforma. "La concessione - ha spiegato - viene rilasciata con procedura di evidenza pubblica e quindi non ci sono più gli istituti come il rinnovo e la proroga. Abbiamo così reso la normativa uniforme rispetto ai principi di concorrenza e trasparenza del mercato".

Mentre in merito ai canoni di concessione, ha detto, "verranno aggiornati attraverso l'adeguamento Istat" con un passaggio che prenderà forma nel 2022. Per Morroni da tutto questo "occorre garantire le condizioni perché vi siano le ricadute più ampie per lo sviluppo del territorio" che per l'assessore all'ambiente "devono così tradursi in occasioni di lavoro ma anche come effetto diffuso".






Questo è un articolo pubblicato il 24-03-2021 alle 18:49 sul giornale del 26 marzo 2021 - 126 letture

In questo articolo si parla di economia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bUls





logoEV
logoEV