Legge acque minerali, i sindacati: "Sangemini non ha insegnato nulla. Ancora una volta non ascoltati i lavoratori"

acqua 1' di lettura 26/03/2021 - "Ancora una volta la Regione non ha ascoltato la voce di lavoratrici e lavoratori di un settore fondamentale per l'Umbria, come quello delle acque minerali. Il risultato è una legge che non offre garanzie occupazionali e lascia lavoratrici e lavoratori fortemente insoddisfatti e preoccupati per il futuro".

Ad affermarlo in una nota all'indomani dell'approvazione in consiglio regionale della nuova legge sulle acque minerali sono le tre categorie sindacali del settore.

"Abbiamo avuto un mese di confronto con la Regione, abbiamo avanzato le nostre proposte, illustrato la situazione dal punto di vista di chi nelle aziende di questo settore lavora - affermano i segretari generali di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil dell'Umbria - ma evidentemente è stata una pura formalità. La Regione avrebbe potuto sfruttare l'occasione per mettere al sicuro questo comparto da possibili crisi occupazionali e pretendere il rispetto degli accordi sottoscritti con le aziende, ma evidentemente la vertenza Sangemini non ha insegnato nulla".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-03-2021 alle 10:29 sul giornale del 27 marzo 2021 - 126 letture

In questo articolo si parla di lavoro, sindacati, acqua, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bUxn