Venerdì Santo: protesta degli imprenditori delle città santuario

1' di lettura 31/03/2021 - L'iniziativa è di Confcommercio Assisi, che ha coordinato la protesta delle realtà imprenditoriali "stremate dalla crisi economica". L'appello delle piccole imprese delle cinque città santuario, al Governo e ai parlamentari delle regioni coinvolte, è "di creare le condizioni perché gli aiuti arrivino davvero, in forma rapida e coerente con il danno subito in questo lunghissimo anno con incassi zero". "Siamo dimenticati tra i dimenticati", dicono.

Per la prima volta, gli imprenditori di cinque "città santuario" scenderanno in piazza, in contemporanea, per rappresentare "il loro dramma e la loro enorme preoccupazione per il futuro". Lo faranno il 2 aprile, Venerdì Santo, quando centinaia di commercianti, ma anche operatori turistici, di Assisi, Cascia, Loreto, Pompei e San Giovanni Rotondo si uniranno in un una protesta "pacifica e nel rispetto delle regole, ma estremamente determinata", di chi "non si arrende a morire nell'indifferenza".

Le manifestazioni, coordinate dalle articolazioni territoriali di Confcommercio si terranno ad Assisi, in piazza del Vescovado, a Cascia, a Roccaporena, a Loreto, in piazza Giovanni XXIII, a Pompei, in piazza Bartolo Longo, e a San Giovanni Rotondo, nel piazzale antistante la chiesa conventuale santuario Santa Maria delle Grazie. "La filiera legata al turismo è allo stremo", dice Confcommercio. "Da Assisi, Cascia, Loreto, Pompei e San Giovanni Rotondo, spiega l'organizzazione, le piccole imprese chiedono per se stesse e per tutti i colleghi d'Italia un'attenzione particolare.

Occorre un intervento speciale, immediato e strutturale. Queste preziose, piccole città non si arrendono a diventare buie scatole vuote"






Questo è un articolo pubblicato il 31-03-2021 alle 18:14 sul giornale del 02 aprile 2021 - 239 letture

In questo articolo si parla di economia, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bVpz





logoEV