Bettona: il Teatro Excelsior entra a far parte della rete TSU. Ecco la mini-Stagione 2023

6' di lettura 15/03/2023 - “La definizione di un accordo con il TSU è il risultato di una scelta consapevole, maturata alla luce della volontà di rilanciare un luogo importante come un teatro attraverso azioni e un metodo di lavoro che guardino al futuro – il commento del Sindaco del Comune di Bettona Valerio Bazzoffia –

Nella scelta della programmazione artistica, l’amministrazione ha deciso di affidarsi a un partner qualificato, quale il TSU, che possa sostenerla nella promozione ed aprire a nuovi target di pubblico, che sia una garanzia della qualità del prodotto artistico e abbia l’esperienza necessaria a collaborare alla creazione di una identità nel tempo, anche aprendo a progetti futuri. La volontà dell’amministrazione è quella di investire in percorsi che avvicinino il pubblico al teatro in modo consapevole, accessibile, con scelte di alto profilo qualitativo che attestino nel tempo il Teatro Excelsior come una realtà credibile per tutta la regione”.

“Un Teatro restituito alla sua città grazie al desiderio condiviso con una comunità, che ne riconosce l’importanza non solo relativa alla memoria storica, legata alla figura del suo fondatore Don Francesco Bianchi, ma anche e soprattutto relativa alla sua valenza sociale e culturale – le parole di Nino Marino – Come direttore del Teatro Stabile dell’Umbria ringrazio l’amministrazione comunale e la Fondazione Perugia per aver lavorato insieme alla riapertura del Teatro, permettendo la realizzazione di questi primi appuntamenti che inaugurano quella che, ne sono certo, sarà una nuova importante Stagione per Bettona”.

Daniela Monni, Presidente Commissione welfare di Fondazione Perugia: “Attraverso il Bando Welfare, rigenerazione di centri storici e periferie la nostra Fondazione ha voluto sollecitare azioni di partecipazione della comunità per la valorizzazione di spazi e luoghi che potessero essere non solo ristrutturati ma anche ripensati, condivisi e riscoperti. Quando più punti del territorio tornano a riaccendersi, si accendono non solo le luci di un palco, ma si creano sinergie e collaborazioni. Un arricchimento culturale e di relazioni che va oltre quanto immaginabile dagli stessi progetti”.

Il Teatro Excelsior Bettona ha riaperto le sue porte ed entra a far parte della rete del Teatro Stabile dell'Umbria. Un altro importante luogo, per la città e per la regione, dedicato alla cultura che torna a vivere e ad accogliere il pubblico con una prima mini-Stagione di teatro e danza, organizzata dal TSU in sinergia con l'amministrazione comunale.

In scena tre spettacoli da giovedì 30 marzo a domenica 7 maggio: SANTO PIACERE. Dio è contento quando godo di Giovanni Scifoni; Melancholia / Orfeo e Euridice e SIN con le coreografie di Mario Coccetti; RAFFAELLO, il figlio del vento di e con Matthias Martelli.

La riapertura del Teatro Excelsior è avvenuta grazie al sostegno della Fondazione Perugia (nell’ambito del Bando “Welfare - rigenerazione di centri storici e di periferie”) che insieme al Comune di Bettona – e ai partner Circolo Anspi Excelsior e Cooperativa La Goccia – ha individuato nello storico Teatro lo spazio ideale per modellare il progetto “Teatro Anima Viva. La comunità si prende la scena” fortemente voluto dall'amministrazione comunale e destinato a tutti attraverso il processo creativo e partecipato per una nuova vitalità culturale e sociale.

La Stagione

A dare il via al Cartellone, giovedì 30 marzo alle 20.45, è l'attore, autore e regista Giovanni Scifoni con il suo spettacolo SANTO PIACERE. Dio è contento quando godo, diretto da Vincenzo Incenzo.

Non c’è sesso senza amore è solo il riff di una canzone o una verità assoluta? Come la mettiamo con il VI Comandamento? Partendo da questi interrogativi, Giovanni Scifoni elabora un piano per porre fine all’eterno conflitto tra Fede e Godimento e fare luce su una verità definitiva e catartica, dove l’anima possa ruzzolarsi sovrana nel sesso e il corpo finalmente abbracciare l’amore più puro, in grazia di Dio. In un flusso di coscienza tempestoso e irresistibile, alto e comico al contempo, e liberandosi di pregiudizi, luoghi comuni e vestiti, l'attore 'sequestra' il pubblico e lo pone al centro di un esperimento unico e irresistibile, oscillando come un esilarante pendolo tra gli estremi del sesso e della Fede, in metamorfosi continua tra i suoi personaggi: il morigerato Don Mauro schiavo di un catechismo improbabile, e l’illuminato Rashid, pizzettaio musulmano modernista.

Giovedì 27 aprile alle 20.45 in scena la danza contemporanea con due spettacoli della Compagnia S Dance Company, con le coreografie di Mario Coccetti: Melancholia / Orfeo e Euridice e SIN.

Melancholia / Orfeo e Euridice, danzato da Rocco Suma, Salvatore Sciancalepore e Sofia Zanetti, trae linfa dalla potenza fisica dei corpi in scena, dalla decodificazione in musica degli stati emotivi dei danzatori e dal ritmo percussivo dell'azione. Il concept creativo dell'opera nasce dalla rielaborazione dal mito narrato da Virgilio e da Ovidio, ma ancor più dall'omonimo film di Lars Von Trier.

SIN, interpretato da Rocco Suma e Salvatore Sciancalepore, indaga il confine tra la distanza e la vicinanza degli esseri umani, le relazioni e il desiderio di conoscersi e riconoscersi come un unico corpo. Lo spettacolo parla degli ideali, della libertà e della ricerca della felicità dell'essere umano in una società concentrata su se stessa, attraversando la danza contemporanea, l'immaginario cinematografico di Pedro Almodovar e utilizzando la musica come una vera e propria colonna sonora di un film.

La Stagione teatrale del Teatro Excelsior Bettona chiude domenica 7 maggio, alle 20.45, con RAFFAELLO, il figlio del vento di e con Matthias Martelli e le musiche dal vivo Matteo Castellan. Un racconto avvincente e poetico su un grande genio dell’umanità: Raffaello Sanzio. Considerato simbolo di grazia e perfezione, la vita del pittore divino esplode non solo di arte pura ma anche di felicità, eros, sfide, contraddizioni e perfino polemiche con l’autorità e il senso morale del tempo. Martelli riprende la tradizione del teatro giullaresco e di narrazione e trascina lo spettatore all’interno di un viaggio appassionante, rendendo vivi i personaggi, entrando con le immagini e le parole dentro i capolavori di Raffaello, scoprendo le curiosità, i suoi amori e immergendosi nel clima dell’epoca.

Abbonamento e biglietti

MINI ABBONAMENTO 3 SPETTACOLI

Da mercoledì 15 a mercoledì 22 marzo; dal lunedì al sabato dalle 17 alle 20 telefonando al Botteghino Telefonico Regionale del TSU (075 57542222) e su www.teatrostabile.umbria.it

Sabato 18 dalle 17 alle 19 e domenica 19 marzo dalle 11 alle 13 presso la biglietteria del Teatro Excelsior.

BIGLIETTI

Prenotazioni a partire da venerdì 24 marzo T 075 57542222 (dal lunedì al sabato dalle 17 alle 20) acquisto online su www.teatrostabile.umbria.it

BIGLIETTERIA TEATRO EXCELSIOR (Piazza del Popolo, Passaggio di Bettona)

— il giorno dello spettacolo dalle 17.30

— il sabato precedente lo spettacolo dalle 17 alle 19

— la domenica precedente lo spettacolo dalle 11 alle 13

BOTTEGHINO TELEFONICO TSU

dal lunedì al sabato, dalle 17 alle 20, T 075 57542222 / prenotazioni@teatrostabile.umbria.it

In allegato PDF il programma.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Assisi .
Per Whatsapp aggiungere il numero 376 0316332 alla propria rubrica e inviare un messaggio con scritto "Notizie ON".
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereassisi o Clicca QUI.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-03-2023 alle 11:30 sul giornale del 16 marzo 2023 - 58 letture

In questo articolo si parla di teatro, spettacoli, umbria, teatro stabile, stabile, comunicato stampa, Teatro Stabile Umbria, Teatro Stabile dell'Umbria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dXz1





logoEV
logoEV
qrcode