SEI IN > VIVERE ASSISI > CRONACA
articolo

Aveva creato scompiglio in un locale pubblico ad Assisi. La polizia emette un daspo "Willy"

1' di lettura
172

La Polizia di Stato di Perugia ha emesso un provvedimento di DASPO “WILLY” nei confronti di un cittadino italiano classe 1977 che, lo scorso febbraio, si recava all’interno di un esercizio pubblico situato nel comune di Assisi dove, con fare aggressivo e in stato di ebrezza alcolica, creava turbativa, arrecando disturbo ai diversi avventori anche proferendo minacce e ingiurie.

In particolare, la misura di prevenzione personale è scaturita dall’attività di accertamento svolta dalla Divisione Anticrimine della Questura di Perugia che, in considerazione della gravità dell’episodio, della modalità con le quali è avvenuto e dell’allarme sociale creato nei confronti degli avventori del locale pubblico, notoriamente frequentato da ragazzi e da famiglie, ha ritenuto la condotta tenuta dal 46enne tale da determinare una situazione di grave pericolo e turbativa dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Per questi motivi, al fine di tutelare tutte le persone che sono solite frequentare quei luoghi ed evitare che possano diventare teatro di nuovi episodi analoghi, il Questore di Perugia ha adottato il predetto provvedimento. Al soggetto, per la durata di anni due, sarà vietato l’accesso al suddetto locale pubblico, teatro dell’evento, nonché interdetto lo stazionamento nelle sue immediate vicinanze. La violazione del provvedimento è punita con la reclusione da sei mesi a due anni e la multa da 8mila a 20mila euro.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Assisi .
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAssisi oppure aggiungere il numero 376 0316332 alla propria rubrica e inviare un messaggio con scritto "Notizie ON".
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereassisi o Clicca QUI.


Questo è un articolo pubblicato il 18-03-2023 alle 15:36 sul giornale del 20 marzo 2023 - 172 letture






qrcode